Roncucci&Partners vi porta in India: Paese delle opportunità e delle contraddizioni

india opportunità e contraddizioni

L’India è un mercato dalle significative potenzialità e mostra costanti segnali di crescita e miglioramento. In India convivono opportunità e contraddizioni, che si possono comprendere approfondendo la propria conoscenza del paese.

Oggi sesta economia al mondo, vede una costante crescita dei consumi trainati dal sensibile dinamismo della “aspiring middle class” che si allarga di anno in anno ed il cui reddito medio è in costante aumento. Mentre 330 milioni di persone vivono con meno di 1,25 dollari al giorno.

La penisola indiana è una federazione “sui generis” di 29 Stati (più 7 territori dotati di autonomia politico-amministrativa), con forma di Governo parlamentare. Le lingue ufficialmente riconosciute sono 23, compreso l’inglese, utilizzato come lingua franca per l’amministrazione della giustizia, delle funzioni pubbliche, e per le relazioni tra gli Stati dell’Unione. In un Paese in cui i dialetti e gli idiomi censiti sono circa 1.600, il diffuso utilizzo dell’inglese rappresenta una chiave di volta per favorire lo sviluppo di business.

Attualmente l’India sta attraversando una fase di liberalizzazione economica, aprendo la propria vasta base di consumatori a diverse aziende provenienti da tutto il mondo. Alla vigilia delle elezioni nazionali previste per il 2019, il Governo guidato dal Primo Ministro Modi ha messo in campo importanti riforme e programmi di sviluppo economico volti a modernizzare il mercato e a favorire una crescente attrazione degli investimenti diretti esteri. La stabilità del governo, le politiche migliorative messe in atto, la struttura bancaria consolidata e il vivace mercato dei capitali denotano una struttura finanziaria che sta giungendo a maturazione.

Ancora in tema di contraddizioni, se da un lato è lo Stato che cresce più rapidamente del G20, dall’altro la Banca Mondiale, all’interno dello studio “Doing Business in India 2018”, evidenzia quanto il Paese debba ancora impegnarsi a livello normativo per semplificare e agevolare lo sviluppo di business all’interno dei propri confini.

È chiaro quindi che nonostante le opportunità presenti, è ancora oggi un Paese in cui avviare attività commerciali risulta particolarmente impegnativo. È indubbio che avere un supporto locale sia altamente consigliabile per raggiungere l’obiettivo che ci si è prefissati.

Conoscere il territorio e la cultura indiana, identificare regioni e città maggiormente attrattive, avere esperienza rispetto alle usanze locali, analizzare i canali distributivi migliori, ricercare i partner più affidabili e mantenere un contatto diretto e costante con loro: tutte attività che possono essere condotte più agilmente e in maniera migliore da chi è esperto del Paese e lo vive quotidianamente.

La presenza in India di una varietà di culture può essere difficile da comprendere da chi non le conosce e non vi è abituato, così come le procedure richieste per avviare il proprio business attraverso partnership con operatori locali.

Roncucci&Partners può vantare due sedi operative in India, a Chennai e Bangalore. In esse è presente nostro personale locale che quotidianamente assiste PMI italiane che desiderano approcciare il mercato. Ravi Garyali, Country Head delle due sedi, è una persona di spicco nel mondo imprenditoriale indiano e può vantare un fitto network di relazioni.

Articolo precedenteL’e-commerce negli UAE, un mercato in crescita.
Articolo successivoGiovanni Roncucci docente per Export Now! dell’Agenzia ICE