Emilia-Romagna: prorogato il bando straordinario per progetti di promozione durante l’Expo di Dubai

veduta aerea dubai expo

Con Delibera di Giunta regionale n. 170 del 9 Marzo 2020 è stato prorogato al 15 Maggio 2020 il termine per l’invio della domanda di partecipazione al bando straordinario che mette sul piatto 750 mila euro per sostenere “azioni promozionali a livello internazionale, da realizzarsi negli Emirati Arabi Uniti, sia all’interno dell’Area Expo sia in altro contesto nel medesimo paese, nel periodo di durata dell’Expo Dubai”.

Di ieri sera, lunedì 30 Marzo, la notizia che anche l’Expo verrà posticipato al 2021, è quindi probabile che anche la data per presentare la domanda di partecipazione possa essere ulteriormente posticipata, per venire incontro alle aziende che in questo momento sono impegnate a fronteggiare l’emergenza sanitaria. Per avere costanti aggiornamenti, consigliamo di monitorare la pagina dedicata.

Il bando per la promozione del Made in Italy a Dubai

Il bando straordinario si pone l’obiettivo di sostenere le imprese regionali nella realizzazione di azioni promozionali che migliorino il loro livello di internazionalizzazione e possano agevolare l’espansione delle opportunità commerciali, di collaborazione industriale e di investimento. Il bando prevede di supportare attività promozionali da realizzare negli Emirati Arabi durante il periodo della manifestazione e si va ad unire ad Italian Fashion verso Dubai, il progetto di sistema (promosso da Unioncamere e cofinanziato dalla Regione) che punta a rilanciare il comparto moda regionale con una serie di attività promozionali nell’area mediorientale.

I beneficiari del Bando straordinario

Il bando straordinario promosso dalla Regione Emilia-Romagna si rivolge a imprese in forma singola, consorzi per l’internazionalizzazione e reti di imprese che abbiano sede legale o operativa in Emilia-Romagna. Nello specifico, i consorzi possono essere costituiti da almeno 8 imprese, fra loro indipendenti, o da un minimo di 5 imprese qualora si tratti di consorzi e società consortili tra imprese artigiane. Per quanto riguarda le reti di imprese, il numero minimo è fissato a 3 imprese, che non devono essere associate o collegate tra di loro.

Investimenti ammissibili

Le attività ammesse riguardano eventi, workshop, seminari, incontri d’affari e b2b, degustazioni, sfilate, visite aziendali e ogni altra tipologia di attività volta alla promozione delle imprese regionali nei confronti di operatori specializzati esteri (come ad esempio buyers, rappresentanti di imprese, laboratori, reti di distribuzione, ecc.)
Rientrano tra le spese ammissibili una serie di spese legate all’organizzazione delle attività di promozione: dal costo d’affitto dell’area utilizzata per l’attività di promozione e quelli legati al suo allestimento (compresi il noleggio di attrezzature, dotazioni tecniche ed elettroniche) ai costi per la produzione di materiali promozionali in lingua inglese (brochure, newsletter, adeguamento del proprio sito web aziendale); i costi legati ad attività di interpretariato ed hostess, al trasporto di materiali e prodotti funzionali alla realizzazione dell’iniziativa.

Le agevolazioni previste dal Bando straordinario

La misura stanzia un contributo a fondo perduto del 50% della spesa, fino ad un massimo di 30.000 euro per le singole imprese, 50.000 per le reti di imprese ed 80.000 per i consorzi. Le spese minime ammesse ai progetti dovranno essere di 15.000 euro per i progetti presentati da imprese singole, di 20.000 per le reti di imprese e di 40.000 per progetti presentati da consorzi per l’internazionalizzazione. La selezione avverrà tramite procedura valutativa a graduatoria.

Per maggiori informazioni scrivici utilizzando il form sottostante.

Come possiamo aiutarti?

Contattaci o inviaci una richiesta online.