Si è tenuto ieri mattina, Martedì 19 Gennaio, l’evento di lancio del percorso operativo di INVEST, il progetto promosso dal Governo degli Stati Uniti attraverso l’agenzia federale USAID, che punta a supportare il settore privato italiano impegnato in prima fila nella lotta alla pandemia.

Organizzato in modalità virtuale dall’Ambasciata americana a Roma, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e Roncucci&Partners, l’evento ha dato l’opportunità presentare le 25 aziende italiane selezionate e inaugurare il percorso di assistenza tecnica erogato a loro favore.

L’incontro virtuale si è aperto con l’intervento di Thomas Smitham, Incaricato d’Affari dell’Ambasciata americana in Italia: “Nell’ambito dell’iniziativa USAID INVEST, abbiamo creato un programma che stanzia contributi economici al settore privato italiano per rispondere efficacemente all’emergenza sanitaria. Roncucci&Partners utilizza tali fondi per fornire assistenza tecnica alle aziende italiane che potenziano o riconvertono le proprie attività per produrre dispositivi e forniture di cui l’Italia ha bisogno.” ha commentato Smitham. “Gli Stati Uniti sono al fianco dei nostri amici italiani, e siamo lieti di poter fornire assistenza per aiutarvi in questa lotta.”

Dopo di lui, è stato il turno di Stefano Bonaccini, Presidente della Conferenza delle Regioni e Presidente della Regione Emilia-Romagna, ospite d’onore dell’evento. “Le Regioni italiane hanno svolto un ruolo fondamentale, non solo nella lotta alla pandemia dal punto di vista sanitario, ma anche nel sostenere la resilienza del tessuto sociale e economico di fronte all’onda d’urto delle restrizioni necessarie a contenere il virus” ha commentato Bonaccini rivolgendosi alla platea virtuale “In questi mesi abbiamo lavorato a stretto contatto anche col settore privato, che ha dato prova di flessibilità, responsabilità e capacità innovativa. Questa sinergia continua a fornire un contributo importante nella lotta quotidiana alla pandemia del nostro Paese, evidenziando le potenzialità dell’Italia come partner strategico, con il quale costruire relazioni e dove investire, una volta che – sconfitto il virus – sarà imprescindibile intercettare il prima possibile la ripresa”.

Ho partecipato ad evento Us-Aid, un programma di sostegno statunitense ad imprese italiane a seguito della pandemia, tra…

Pubblicato da Stefano Bonaccini su Martedì 19 gennaio 2021

 

L’intervento di Noemi Danao-Schroeder, rappresentante di progetto per USAID, si è focalizzato sull’iniziativa INVEST in Italia, sottolineandone il valore: “abbiamo un’opportunità senza pari, lavorando con il settore privato, di affrontare non solo le necessità immediate della pandemia, ma anche di contribuire alla resilienza e alla crescita economica a lungo termine dell’Italia”.

Interessante anche l’intervento dell’Assessore allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione Vincenzo Colla, che nel suo intervento ha sottolineato l’alto valore di INVEST come modello di intervento internazionale: “Guardiamo con molto favore a questo interessante progetto pilota, un’iniziativa che punta sugli investimenti e non sulle donazioni, finalizzata al coinvolgimento del settore privato in partnership con il pubblico e quindi alla sostenibilità di lungo periodo. Le 9 imprese emiliano-romagnole selezionate sono realtà eccezionali che si sono impegnate fin dai primi giorni della pandemia nella riconversione produttiva grazie all’affiancamento e ai finanziamenti che la Regione ha messo in campo. In prospettiva USAID INVEST rappresenta senz’altro un modello positivo da replicare in altri contesti e su filiere diverse”.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vincenzo Colla (@vincenzocolla62)


 

Le aziende beneficiarie del Progetto INVEST

Durante l’evento, condotto da Giovanni Roncucci, è stato illustrato il progetto INVEST, per il quale la nostra società è stata incaricata di selezionare 25 aziende su tutto il territorio nazionale e intraprendere un percorso che ne favorisca la crescita e la produzione di soluzioni antivirus.

Le 25 beneficiarie del percorso di assistenza tecnica, erogata in un percorso della durata di 12 mesi, sono imprese che si sono attivate nella lotta al virus potenziando o addirittura riconvertendo la propria linea produttiva. Dalle mascherine ai test rapidi, dagli innovativi sistemi di sanificazione a speciali barelle di bio-contenimento per la movimentazione dei pazienti, il parco di soluzioni offerte copre svariati aspetti legati alla pandemia, dalla prevenzione alla diagnostica e al trattamento della malattia.

Le 25 realtà sono state suddivise in tre cluster, in base alla tipologia della loro produzione. Il primo cluster, relativo agli item della prevenzione, è composto da 6 aziende emiliano romagnole (Automa 2000 di Cesena (Fc), Lesepidado di San Lazzaro (Bo), Ghepi di Cavriago (Re), Nilma e MM Operations di Parma, Colorificio MP di Rimini); due aziende lombarde (FAP Italia di Milano ed Extris di Como); due aziende campane (Erbagil di Benevento e Gruppo FB di Napoli); due aziende siciliane (Parmon e NTET, entrambe di Catania); insieme a Wlp di Trento; Giuntini di Firenze e SFL – Service Facility Logistics Coop di Lecce. Il secondo cluster, relativo agli item della diagnostica, comprende invece BIOSIDE di Lodi, COMES di Taranto; Edif Instruments di Roma e Denken Italia, di Mercato Saraceno (Fc). Infine, il terzo cluster, relativo agli item del trattamento, è composto da HSIGN di Macerata, STEM e Omnidermal Biomedics di Parma, Conf Industries di Brescia, Promedicare di Brindisi e OMP Engineering di Vicenza.

In rappresentanza delle 25 aziende e dei 3 cluster descritti, durante l’evento hanno preso la parola Bianca Dondarini – Sales and Marketing Manager di Lesepidado, azienda bolognese specializzata in soluzioni igienizzanti per mani, superfici e tessuti; Vincenzo Cesareo – CEO di Comes, società tarantina che produce TermoScanner per il controllo degli accessi e Marco Farina, Co-Founder e CBO di Omnidermal Biomedics, start up parmense che realizza respiratori.

Il percorso di assistenza tecnica

Il percorso di assistenza tecnica progettato da Roncucci&Partners prevede 25 percorsi individuali che terranno conto delle specifiche differenze e necessità aziendali, tarando l’intervento su determinati ambiti, tra cui produzione, commercializzazione, distribuzione, finanza e aspetti giuridico legali. L’obiettivo finale è quello di rendere queste aziende più competitive, e maggiormente preparate nell’affrontare eventuali emergenze future.

Per farlo, Roncucci&Partners ha costituito 4 team di progetto che assisteranno le 25 imprese durante tutto il percorso di assistenza tecnica, attivando in affiancamento al personale interno un panel di esperti di alto livello, selezionati per supportare lo sviluppo del progetto in alcuni specifici ambiti di intervento. Sul tema innovazione, è stata coinvolta MATERIAS, start up innovativa presieduta da Luigi Nicolais (ex Presidente del CNR ed Ex Ministro della Funzione pubblica). Sugli aspetti giuridico legali, lo studio De Beaumont e Associati e lo studio Barbalich Law Practice rispettivamente specializzati nel campo del diritto internazionale e del diritto commerciale, societario e contrattuale. Infine, sul tema della produzione, il progetto vede il coinvolgimento dell’Ingegner Tiziano Tesi, che vanta una lunga esperienza internazionale sui temi della produzione, della supply chain, della logistica legata alla movimentazione delle merci. Ha elaborato strumenti di analisi e di intervento per il miglioramento e l’ottimizzazione dei processi aziendali, applicati in numerosi contesti industriali.

Rivedi l’evento sul nostro canale YouTube